Archive from aprile, 2009
Apr 15, 2009 - Senza categoria    1 Comment

VITTORIO POZZO: CAMPIONI DEL MONDO. Quarant’anni di storia del calcio italiano

La prima edizione di questo splendido libro  fu pubblicata nel 1960. La seconda (che ho acquistato senza pensarci troppo) credo sia del ’68 [editoria – 37].

La vita calcistica di Pozzo, narrata da lui stesso in prima persona, è affascinante ed al contempo ricca di curiosità storiche, soprattutto sulle vicende della nazionale.

Vengono raccontate infatti le vittorie alle Olimpiadi ed ai Campionati del mondo, ed i primi passi dell’organizzazione calcistica nostrana. La descrizione di figure oramai mitiche del calcio italiano e internazionale emerge – ancora dopo tanti anni – con una vivacità che cattura ed assorbe totalmente l’attenzione del lettore.

Piola, Meazza, Gabetto, Orsi, Schiavio, Frossi, Zamora, Matthews, Molnar, Planika, Schiaffino, Ghiggia, Mazzola, Levratto, il grande Herbert Chapman (che inventò il “sistema” quale schema di gioco, con il conseguente abbandono del “metodo”), descritti a tratti rapidi ed efficaci, risaltano in modo vivido e graffiante tra le pagine di questo libro, che consiglio a tutti di leggere, magari consultandolo in qualche biblioteca civica. Inutile dire che anche al Toro sono riservati ricordi assolutamente interessanti.

Riportiamo solo alcuni cenni biografici: Vittorio Pozzo nacque a Biella nel 1886 e morì a Ponderano nel 1968.

Da calciatore giocò dapprima in Svizzera nel Grassopphers e poi nel Torino, che contribuì a fondare e nel quale militò dapprima come giocatore per cinque stagioni, e poi come allenatore dal 1912 al 1922. Da commissario tecnico della nazionale vinse le Olimpiadi di Berlino nel 1936, due Campionati del mondo nel ’34 e nel 38, e due Coppe internazionali nel ’30 e nel ’35. Allenò anche il Milan nel campionato 1924-25.

Tra l’altro, non dimentichiamo – come già accennato in altra sede – che prima ancora dell’esperienza svizzera fu giocatore dell’F.C. Torinese per diversi anni, legando il suo nome alle origini del calcio piemontese ed italiano.

Apr 12, 2009 - Senza categoria    No Comments

TORO: IL MITO E I CAMPIONI. Cinquant’anni fa, Superga

Come al solito l’amico Piero Aggradi, oltre ad occuparsi della sua libreria antiquaria, riesce sempre a trovare qualche oggetto di pregio per il collezionista granata.

Anche questa volta si tratta di una pubblicazione davvero interessante: la raccolta a fascicoli intitolata “Toro: il mito e i campioni. Cinquant’anni fa, Superga”, edita da La Stampa nel 1999, in occasione dell’anniversario della sciagura. Sono ben ventidue monografie tematiche, che riguardano temi importanti oppure figure di rilievo (si passa da Moschino a Gabetto, da Bui a Luigi Danova) della storia granata.

I singoli articoli sono realizzati da grandi firme del giornalismo sportivo, e sono corredati da numerose foto e statistiche; insomma, un’opera completa e di ottimo livello.

Apr 10, 2009 - Senza categoria    No Comments

Novità

Ho creato un nuovo album dedicato agli audiovisivi, che costituiscono un’importante fonte di notizie per la storia del Toro. Le prime foto sono dedicate a diversi dischi 45 giri (sia la copertina che – quando merita – anche il retro), contenenti inni anche molto datati ma comunque conosciuti dalla maggior parte dei tifosi. Con il tempo aggiungerò altro materiale che ritengo interessante.

Apr 10, 2009 - Senza categoria    No Comments

Audio e video


Apr 2, 2009 - Senza categoria    1 Comment

Novità

Rispondo a Kristian: non ho dati precisi, per saperne di più dovresti contattare altri siti. Posso comunque confermarti che tradizionalmente i tifosi del Toro a Torino sono la maggioranza assoluta. Non mi pare che negli ultimi anni questa situazione si sia modificata a favore della Juve, anzi. I festeggiamenti per il centenario hanno dato molto impulso alle iniziative della tifoseria, si sono moltiplicate le pubblicazioni sulla storia della società e le televisioni locali più importanti curano almeno due o tre programmi alla settimana dedicati esclusivamente al Toro. Dall’esterno tutto questo non si nota, in quanto le reti nazionali tendono a dare maggiore spazio alle solite quattro o cinque squadre più importanti del campionato; in realtà sul territorio (piemontese e non) la passione per il Toro è ben più diffusa di quanto non si possa immaginare. Il vero problema è che la cronaca sportiva è spesso falsata dalla necessità (o opportunità “commerciale”) di attribuire maggior rilievo alle società che raccolgono il maggior numero di sostenitori in ambito nazionale; questo però influisce negativamente su una visione corretta della storia del calcio, in quanto in tal modo si corre il rischio di trascurare vicende locali o lontane nel tempo, che però hanno influito o influiscono non poco sull’evoluzione di questo sport. Faccio un esempio (più “temporale” che non “geografico”): Giampiero Boniperti, in modo assolutamente obbiettivo, una volta disse che le squadre più forti da lui mai viste nella sua carriera sono state il Grande Torino e la Honved di Budapest. Credo però che pochi oggi si interessino, per mera passione, alla storia della Honved, grandissima squadra degli anni ’50. Spero di aver reso l’idea…

Apr 1, 2009 - Senza categoria    1 Comment

Novità

Rispondo alla domanda di Kristian sulla maglia a strisce gialle (o arancioni) e nere dell’F.C. Torinese. Nella stagione 2007-08 in effetti questa divisa è stata adottata come terza maglia ufficiale, ma è stata utilizzata solo una volta in trasferta a Napoli.

Sto completando un po’ per volta l’inserimento nel quarto album di figurine, ma in questi giorni non mi è possibile eseguire alcune operazioni sul blog, per motivi non ancora chiari. Spero che tutto si risolva a breve.

Pagine:«12