Apr 24, 2009 - Senza categoria    No Comments

IL TORO IN SPAGNA

Nei giorni scorsi ho acquisito il n. 18 di una rivista settimanale che non conoscevo, intitolata “Tutti gli sport”, datata 11-18 ottobre 1924, di cui ho scannerizzato tre pagine [editoria – 63, 64, 65].

La prima presenta una bella immagine tratta da un concorso ippico, ma quelle che ci interessano sono la terza e l’ultima, che riguardano una tournèe del Toro in Spagna, svoltasi nella stagione 1924-25. Nella terza sono riprodotte diverse piccole foto di azioni di gioco tra la squadra granata e le sue avversarie, mentre l’ultima raffigura in grande un altro momento della partita con il Barcellona, e più precisamente un’uscita del portiere Latella ed alcuni giocatori granata che purtroppo è difficile identificare.

Il Toro giocò in Spagna quattro partite, due con il Barcellona e due con il Real Madrid. I risultati non furono sicuramente soddisfacenti, due pareggi  e due sconfitte con entrambe le squadre: con il Barcellona 0-3 e 1-1, e con il Real 0-2 e 2-2.

Del resto quell’annata calcistica, come si narra nella rivista n. 2 de “La storia del Torino” [editoria – 16], il Toro la disputò senza infamia né lode, stazionando sempre a centroclassifica. Unico risultato di rilievo fu una vittoria sull’Inter a Milano per 5 a 2. Il girone della Lega Nord (non c’era ancora girone unico) fu vinto dal Genoa, che poi in finale avrebbe ceduto il passo al Bologna. Peraltro i granata già annoveravano nelle loro file Janni e Rossetti II, e potevano sempre contare sui fratelli Martin.

Il 1924 fu un anno da ricordare: a gennaio moriva Lenin, e subito dopo l’Italia riconosceva l’Unione Sovietica. Il 10 giugno veniva ucciso Giacomo Matteotti.

A febbraio, a New York andava in scena per la prima volta Rapsodia in blu di George Gershwing, e nello stesso mese Antonio Gramsci fondava il giornale l’Unità.

Tra le “nascite illustri”, ricordiamo tra gli altri il medievalista francese Jacques Le Goff, il regista Sandro Bolchi, il “nostro” Valerio Bacigalupo, l’attore Marlon Brando. Il 21 aprile a Pittsburgh si spegneva la grande Eleonora Duse, ed il 29 novembre a Bruxelles moriva Giacomo Puccini.

Per quanto riguarda il nostro piccolo avvenimento sportivo, non ho notizie più precise. Ho cercato su tutti i documenti a mia disposizione ma  ne ho ricavato solo notizie frammentarie. La rivista che ho sotto mano è comunque molto bella, ricchissima di immagini (a parte quelle sul Toro) e ben curata. La foto sul retro poi è una rarità, come tutte quelle dell’epoca.

Incuriosisce (ma non è una stranezza per quel periodo) la coppola del portiere, così come sono simpatiche le pagliette indossate in pratica da quasi tutti gli spettatori, che assistono composti alla gara da una tribunetta vicinissima al campo di gioco, separato da una semplice recinzione. Lo stadio raffigurato dovrebbe essere il Campo de “Les Corts”, dove il Barcellona giocò dal 1922 al 1957, demolito poi nel 1966. All’epoca il Barça non aveva ancora vinto il Campionato di Spagna, (la “Liga” nascerà qualche anno dopo), ma aveva già collezionato cinque Coppe di Spagna e molte edizioni del Campionato catalano e della Coppa di Catalogna; era insomma un avversario di tutto rispetto.

IL TORO IN SPAGNAultima modifica: 2009-04-24T09:12:00+02:00da libellus1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento