Nov 28, 2009 - Senza categoria    No Comments

ORFEO PIANELLI. BENVENUTO, ORFEO…

Il fascicolo n. 8 de “La storia del Torino” [editoria I – 22] contiene un bell’articolo sull’avvento di Pianelli al Toro, che riassume le travagliate ore del passaggio di proprietà dalla vecchia dirigenza granata a quella nuova. Per maggiori dettagli della vicenda rimando al libro dello stesso Pianelli “Il mio Torino” [editoria I – 6].

Dall’archivio de << La Stampa >> del 1963 ecco la cronaca curata con scrupolo dal giornalista Gianni Fragola, prematuramente scomparso, di uno dei momenti più importanti della storia granata: la fine del caos dirigenziale, l’arrivo di Pianelli alla dirigenza.

12 febbraio 1962. << La crisi del Torino, apertasi ufficialmente alle ore ventuno di ieri sera, si è chiusa all’una di questa mattina. Al termine della accesa seduta hanno annunciato le loro dimissioni dalla Finanziaria granata il presidente della stessa Cillario, il presidente dell’Associazione Calcio Filippone, i consiglieri Vola Buffa, Cossu e Ferrero; al più presto, nella prima riunione del Consiglio direttivo del Torino gli stessi rinunceranno agli incarichi ricoperti in quella sede, Ha prevalso quindi la corrente capeggiata dal comm. Orfeo Pianelli, che risulta appoggiata da Gerbi, Creanti, Novo, Porzio ed altri soci le cui quote sono minori. Lo stesso Pianelli è stato eletto presidente della Finanziaria ed al più presto riunirà in sé entrambe le cariche di presidenza assumendosi anche quella della società sportiva, Il maggior esborso è stato fatto proprio da Pianelli che ha rilevato gran parte delle quote di Cillario, Filippone e Vola che da soli detenevano la maggioranza del pacchetto azionario. Inoltre il neopresidente si è impegnato a spedire oggi stesso alla Lega un assegno di trenta milioni per coprire il passivo della società nei confronti dell’ente calcistico e si potrà così tesserare liberamente il giocatore Mihalich. Questi i dati cronistici della movimentata seduta, una vera svolta nella storia della società. >>

13 febbraio. << Ulteriore schiarita al Torino. Smentite le voci di un ritorno di Morando alla presidenza del sodalizio calcistico, il presidente della Finanziaria, Orfeo Pianelli, ha detto di essere disposto ad assumere la massima carica dirigenziale del sodalizio, esponendo già in un programma di massima il suo punto di vista circa la conduzione di una società come il Torino: ‘Sia chiaro subito che non intendo affatto pretendere la poltrona di presidente come riconoscimento dello sforzo sostenuto a favore del Torino. Se mi si chiederà di lavorare per la società granata, se i dirigenti ed i soci saranno d’accordo, accetterò di buon grado la nomina, ma da parte mia, lo ripeto, non avanzerò nessuna richiesta.’>>

20 febbraio. << Dieci consiglieri del Torino si sono riuniti ieri sera nella sede di via Prati per l’elezione del presidente e dei vicepresidenti dopo le dimissioni del rag. Filippone Angelo: ha eletto nuovo presidente, all’unanimità, il comm.Orfeo Pianelli riconfermando a vicepresidente il signor Mario Gerbi e designando quale nuovo vicepresidente il signor Bruno Cavallo. Ha accettato altresì le dimissioni dei signori Buffa Avv. Alberto, Cillario comm. Luigi, Cossu dott. Sebastiano, Ferrero rag. Pietro, Vola rag. Mario. Ha respinto invece le dimissioni del consigliere conte Alberto Marone. Il Consiglio direttivo ringrazia i consiglieri uscenti per l’opera ed il contributo prestato a favore dell’A.C. Torino.’ All’assemblea iniziatasi alle ore 21 e protrattasi sin dopo le 24, erano presenti dieci dei ventidue consiglieri granata, e precisamente i Signori Pianelli, Traversa, Cavallo, Tortora, Leumann, Cozzolino, Trinch, Rocca, Porzio e Zunino. Assenti, oltre ai sei dimissionari, i signori Marone, Novo, Gerbi, Creanti, Rebaudengo e Gallone >>”.

ORFEO PIANELLI. BENVENUTO, ORFEO…ultima modifica: 2009-11-28T14:40:00+01:00da libellus1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento