Dic 4, 2009 - Senza categoria    No Comments

LEO JUNIOR

Tratto da “La storia del Torino”, fascicolo n. 13 [editoria I – 27], ecco un articolo di Darwin Pastorin su uno dei migliori giocatori sudamericani che abbiano mai vestito la maglia granata:

L’appuntamento, dopo le partite casalinghe, è in un locale fuori porta. I giocatori del Torino, accompagnati da mogli, fidanzate o amici fidati, trasformano la cena in uno spettacolo. Canzoni e divertimento per stare insieme, per non parlare di calcio, per improvvisare un << carnaval >>. Perché << carnaval >> alla brasiliana e non, molto più semplicemente, carnevale? Perché il protagonista di queste serate, l’animatore e il << filosofo >> è un << brasilerio >> di nome Leovigildo Lins Gama, cioè << Leo >> per gli amici, Junior per il mondo…

Insomma: << Leo >> Junior ha portato il suo Brasile composto di musica, allegria e colori. Ha fatto amare un popolo, un paese, una cultura. E sono in molti, adesso, soprattutto tra i giovani tifosi, a cercare nelle librerie i volumi di Jorge Amado, lo scrittore di Bahia, oppure a sognare un viaggio a Rio de Janeiro…

Junior, certo, si è fatto innanzitutto ben volere sul campo: con il suo gioco, la sua fantasia, le sue micidiali punizioni, il suo altruismo, la sua capacità – così rara in tanti altri campioni – di << fare spogliatoio >>, cioè di tenere unita la squadra.

<< Leo >> è arrivato in granata nell’estate del 1984. Lo hanno acquistato con un blitz a sorpresa a Rio, seguendo le indicazioni di Gigi Radice, il general manager Luciano Moggi e l’amministratore delegato Luciano Nizzola. Sono bastati tre giorni per convincere Leo a dire addio al << suo >> Flamenco dopo dieci anni di successi. Junior è arrivato a Torino senza perplessità: in un angolo remoto del proprio cuore ha cercato di soffocare la saudade…

Ad accoglierlo, in un’estate torinese calda, centinaia di tifosi con bandiere, samba ed allegria. Ed è così che è nato, a prima vista, il classico colpo di fulmine, l’amore tra l’asso brasiliano e i sostenitori più fedeli.

E Junior ha subito capito cosa volesse dire la << pelle granata >>, quel qualcosa che non si può spiegare a parole, che è mito, pietra, tradizione, leggenda. << Leo >>, arrivato da lontano, ha saputo, insieme ai compagni suoi più dotati di carattere e di classe e a un allenatore tra i migliori del mondo per professionalità e intuizioni tecnico-psicologiche, riportare una squadra e una società ai vertici della classifica, facendo dimenticare stagioni anonime e di rancori, momenti bui, critiche striscianti e polemiche pubbliche…

E in Brasile, tra gli amici di sempre e i parenti, Junior non perde l’occasione per celebrare Torino e il Torino. A Rio ormai tutti conoscono la Mole e il Valentino, le diritte vie, i lunghi viali alberati, i giorni di sole e quelli di nebbia, lo specchio del fiume…

<< Leo >> è nato a Joao Pessoa, stato di Paraiba, nel povero Nordeste del Brasile, terra del sertao (il terreno incoltivabile): ma lui, figlio di un benestante industriale nel campo delle ceramiche, non ha mai conosciuto lo spettro della fame e della miseria…

Nel 1959 la famiglia Gama (<< Leo >> ha cinque anni) si stabilisce a Rio de Janeiro, la metropoli dai mille colori e dalle mille contraddizioni. Junior consuma le sue giornate sulla spiaggia di Copacabana, inseguendo pallone e fantasie. Nel 1974 debutta, contro il Madureira (1-0, gol del suo amico fraterno Zico) nel Flamenco…

Nel 1979 esordisce in nazionale, contro l’Uruguay (5-0 per la Selecao). Ha conquistato tre scudetti e una Coppa Intercontinentale.

Certo: tra alcuni anni << Leo >> Junior ritornerà nella sua Rio. MA dietro, potete contardi, si porterà per sempre una città che gli è servita per cantare, per conoscere nuovi e sicuri amici, per ribadire la sua classe di calciatore senza confini. Una città che resterà per sempre tra i suoi ricordi più belli, più sereni.

Ma ore il feeling continua. << Leo >> e il Toro hanno promesso una nuova stagione densa di gioie e di conquiste. Per il domani, per le nostalgie, per il ricordo c’è ancora tempo…

Darwin Pastorin

LEO JUNIORultima modifica: 2009-12-04T10:44:43+01:00da libellus1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento